Icona del menu mobile

GmbH di gestione patrimoniale: imposta sul valore aggiunto

Se siete persone che dispongono di un elevato capitale e di un patrimonio immobiliare, col passare del tempo si porrà automaticamente la questione di come gestire il vostro patrimonio nel modo più efficiente. Il risparmio fiscale sarà un fattore decisivo. Una soluzione interessante per voi potrebbe essere la costituzione di una GmbH di gestione patrimoniale. Questa forma speciale di GmbH si occupa esclusivamente della gestione del patrimonio e offre diversi vantaggi fiscali grazie alla sua natura puramente amministrativa, a seconda del tipo di patrimonio.

L’obiettivo principale non è la distribuzione degli utili, ma il loro reinvestimento, e si tratta quindi di un affare a lungo termine in cui il flusso di cassa può essere utilizzato per l’accumulo di attività a lungo termine. Questo naturalmente solleva numerose domande: Quali sono le imposte a carico di una GmbH? L’IVA è dovuta nel caso di una GmbH con gestione patrimoniale? E come viene gestita esattamente l’IVA nel caso di una GmbH di gestione patrimoniale? Nel corso dell’articolo vorremmo approfondire questo aspetto.

L’IVA è dovuta per la SGR?

In linea di principio, la risposta a questa domanda è no. Indipendentemente dal fatto che la vostra GmbH produca redditi da locazione, leasing, transazioni azionarie o investimenti, nessuno di questi è soggetto a IVA. Tuttavia, come per ogni regola, esistono delle eccezioni.

Quando si applica l’IVA in una GmbH a gestione patrimoniale

Consideriamo nello specifico la GmbH immobiliare. Nei seguenti scenari, in primo luogo si agisce a livello commerciale e, in secondo luogo, si è anche soggetti all’IVA:

  • Quando si gestisce un impianto solare sull’immobile
  • nel caso di entrate da un parcheggio o da un garage (affittuari che cambiano, permanenti)
  • nel caso di reddito derivante dall’affitto di una stanza con un periodo di locazione inferiore a un anno
  • in caso di reddito da alloggio ammobiliato con durata inferiore a un anno

Vediamo più da vicino quando il reddito da locazione è esente da IVA. È importante distinguere tra i destinatari della locazione.

Locazione a un privato

Se l’affitto è a un privato, il reddito è esente da IVA. Tuttavia, ciò significa anche che l’imposta a monte dei costi di acquisto non può essere reclamata all’ufficio delle imposte. L’ammortamento è gestito allo stesso modo della locazione a privati. L’ammortamento è quindi calcolato al 2% dei costi di acquisizione all’anno.

Locazione a società

Se intendete affittare il vostro immobile a un’azienda, avete la possibilità di avvalervi dell’opzione IVA; potete “opt-out”. Il reddito derivante dalla locazione sarà quindi tassato in base alla legge sull’IVA; tuttavia, riceverete indietro dall’ufficio delle imposte l’imposta a monte sui costi di acquisto. In questo caso si applica un tasso di ammortamento del 3% dei costi di acquisto.

Quale delle due opzioni scegliere dipende, tra l’altro, dall’importanza che l’aumento della liquidità riveste per voi. Ad esempio, se avete appena iniziato a costituire il vostro patrimonio, potete sfruttare i vantaggi dell’affitto di un’azienda. L’aumento dell’ammortamento e il rimborso dell’imposta a monte, se optate per l’IVA, vi consentono di continuare a investire.

Quali sono le imposte a carico di una società di gestione patrimoniale?

Infine, diamo uno sguardo alla situazione generale delle imposte per una SGR. In linea di principio, le seguenti imposte si applicano a una SGR:

  • Imposta sulle attività commerciali
  • Imposta sul reddito delle società
  • Supplemento di solidarietà. Si aggiunge all’imposta sulle società come percentuale
  • Imposta sul valore aggiunto

A seconda del tipo di patrimonio da gestire, esistono diverse agevolazioni fiscali. Di conseguenza, esistono anche diverse eccezioni per quanto riguarda l’assoggettamento alle suddette imposte. Nel caso della forma speciale di GmbH immobiliare, si applica un’esenzione dall’imposta commerciale in caso di riduzione estesa della proprietà.

È inoltre possibile prevedere sgravi fiscali in caso di plusvalenze derivanti dalla vendita di quote della propria GmbH di gestione patrimoniale. Nella maggior parte dei casi, non è prevista l’applicazione dell’imposta sulle società. Come già detto, avete la possibilità di optare per l’IVA quando affittate a un imprenditore. Se decidete di optare per questa opzione, potete rispondere affermativamente alla domanda “Devo presentare una dichiarazione IVA per la SGR?”.

Cosa si applica alla SGR per quanto riguarda la distribuzione degli utili?

Se, in qualità di azionisti, desiderate distribuire gli utili, potete scegliere di pagare l’imposta sulle plusvalenze sull’intero importo della distribuzione oppure optare per il metodo del reddito parziale. In questo caso, il 60% della distribuzione viene tassato in base all’aliquota dell’imposta sul reddito individuale, mentre il restante 40% rimane esente da imposte. La questione va sempre valutata individualmente per ottenere il risultato migliore per voi.