Icona del menu mobile

Legge sul riscaldamento aggiornata: la legge sull’energia degli edifici GEG 2024

Transizione energetica, efficienza energetica, protezione del clima, emissioni di CO2, impronta ecologica: l’ambiente è tradizionalmente una priorità nel discorso pubblico in Germania. La legge sull’energia degli edifici 2024 – nota anche come legge sul riscaldamento – ha riportato il tema dell’ambiente e dei costi all’ordine del giorno. Il dibattito sulla “legge sul riscaldamento di Robert Habeck” viene portato avanti con forza. È vero che gli immobili e la loro efficienza energetica giocano un ruolo significativo nei consumi e nelle emissioni di gas serra. Con la nuova legge sul riscaldamento, questa situazione è destinata a cambiare dall’inizio del 2024, poiché la ristrutturazione ad alta efficienza energetica sarà obbligatoria. In cosa consiste la legge sul riscaldamento e cosa dovranno aspettarsi i proprietari di immobili nel 2024?

Cosa significa la nuova legge sul riscaldamento

Dopo mesi di dibattito e un intenso scambio di colpi, l’8 settembre 2023 il Bundestag ha approvato una nuova legge sul riscaldamento, con la maggioranza della coalizione dei due partiti. Legge sull’energia degli edifici 2024 – in breve GEG. La legge sul riscaldamento di Habeck entrerà in vigore il 1° gennaio 2024. Ma cosa contiene la legge sul riscaldamento? Gli impianti di riscaldamento dovranno essere sostituiti?

Effetti della legge sul riscaldamento (legge sull'energia degli edifici) 2024

Fonte: Illustrazione propria

In breve: dall’inizio del prossimo anno, in Germania dovranno essere installati solo nuovi sistemi di riscaldamento alimentati da almeno il 65% di energia rinnovabile. La buona notizia è che questo non si applica (ancora) a tutti gli impianti di riscaldamento e a tutti i proprietari.

Chi dovrà installare un nuovo impianto di riscaldamento a partire dal 2024? L’obbligo riguarda soprattutto le nuove costruzioni nelle aree di nuova urbanizzazione, quindi non le nuove costruzioni negli spazi vuoti tra gli edifici. La situazione è chiara per le nuove costruzioni in aree di nuova edificazione: l’impianto di riscaldamento scelto deve essere rispettoso del clima e soddisfare le condizioni indicate.

Per gli impianti di riscaldamento esistenti, per il momento non cambia nulla finché funzionano. Non c’è quindi alcun obbligo di sostituzione immediata! Per il momento, quindi, la legge sul riscaldamento si applica solo ai nuovi edifici. Ma come si evolverà la situazione in futuro?

Legge sul riscaldamento per gli edifici esistenti e al di fuori delle aree di nuova costruzione

La direzione dell’ulteriore sviluppo delle abitazioni esistenti e delle nuove costruzioni negli spazi vuoti tra gli edifici dipende dai piani di riscaldamento comunali completi. Questi sono obbligatori. Secondo la legge sulla pianificazione del calore, le grandi città con più di 100.000 abitanti devono presentare i loro piani di riscaldamento entro la metà del 2026. Tutte le altre hanno tempo fino al 2028. L’obiettivo è quello di informare i cittadini e le imprese sulle opzioni di approvvigionamento energetico neutrale dal punto di vista climatico che sono già disponibili a livello locale e che lo saranno in futuro.

Ciò significa che fino a quando non ci sarà un piano di riscaldamento comunale definitivo, si potrà scegliere liberamente il riscaldamento per i vecchi edifici, per quelli esistenti o per i nuovi edifici al di fuori delle nuove aree di sviluppo.

L’attuale legge sul riscaldamento: molte domande senza risposta!

I proprietari di immobili hanno molte domande sulla legge sul riscaldamento 2024, ad esempio:

Quale sistema di riscaldamento posso ancora installare nel 2023?

A questa domanda è facile rispondere: qualsiasi. Tuttavia, questo passo deve essere valutato con attenzione per evitare elevati costi successivi. Se ora è stato installato un impianto di riscaldamento a gas, dovrebbe essere possibile convertirlo. Ciò significa che a partire dal 2029 dovrà essere in grado di funzionare con percentuali crescenti di gas climalteranti provenienti da idrogeno o biomassa. Dal 2045 ci sarà un divieto definitivo per i sistemi di riscaldamento che utilizzano combustibili fossili.

E se il riscaldamento a gas si rompe dopo il 2024?

Gli impianti di riscaldamento attuali, come quelli a gasolio e a gas, possono essere riparati. In caso di danni irreparabili, un “guasto al riscaldamento”, entrano in vigore periodi transitori di diversi anni. Durante questo periodo, un sistema di riscaldamento usato con combustibili fossili può essere utilizzato in via transitoria. Dopo 5 anni, deve essere installata un’alternativa neutrale dal punto di vista climatico. Se l’allacciamento alla rete di riscaldamento è già possibile in un futuro prevedibile, si applica un periodo transitorio di 10 anni. Per gli impianti di riscaldamento a gas, il periodo di conversione è di 13 anni. Ciò significa che a lungo termine, se l’impianto di riscaldamento si rompe completamente, sarà obbligatorio sostituirlo a favore del rispetto del clima. Possono essere esentati solo i proprietari di case e appartamenti per i quali i costi di conversione supererebbero il valore dell’immobile.

Quali sistemi di riscaldamento saranno ancora ammessi nel 2024?

Almeno il 65% della fonte di calore degli impianti di riscaldamento di nuova installazione nelle aree di nuova costruzione deve provenire da energie rinnovabili. Quali sono le tecnologie di riscaldamento ammissibili?

  • Collegamento a una rete di teleriscaldamento (finora presente soprattutto nelle grandi città)
  • Riscaldamento con pompa di calore
  • Riscaldamento ibrido (miscela di gas o olio e tecnologie rinnovabili come le pompe di calore o il solare)
  • Riscaldamento elettrico diretto (riscaldamento a infrarossi, attraente con un buon isolamento)
  • Riscaldamento solare (l’energia esclusivamente solare termica è possibile solo se l’immobile è molto ben isolato, altrimenti si consiglia una combinazione con altri tipi di riscaldamento)
  • Riscaldamento a pellet o a legna
  • Solo per gli edifici esistenti: sistemi di riscaldamento a gas che possono essere convertiti al 100% in idrogeno

La scelta è enorme, ma i consumatori hanno poca esperienza nel campo del riscaldamento. Quale sia il tipo di riscaldamento giusto dipende da vari fattori.

È consigliabile rivolgersi a consulenti energetici qualificati. Tali consulenti sono elencati sul sito web Energy Efficiency Experts, ad esempio. I centri di consulenza per i consumatori offrono una consulenza introduttiva a basso costo finanziata dal Ministero Federale per gli Affari Economici e la Protezione del Clima.

Legge sul riscaldamento: effetti sugli immobili

Il bilancio energetico di un immobile sarà un fattore di valutazione decisivo in futuro?

È necessario essere pronti a investire in ristrutturazioni ad alta efficienza energetica e prestare attenzione a questo aspetto al momento dell’acquisto di un immobile per evitare costi successivi. La legge Habeck sul riscaldamento avrà sicuramente un impatto anche sui prezzi degli immobili. Un immobile che già soddisfa i nuovi standard avrà un prezzo più alto rispetto a uno che deve ancora essere riadattato.

Cosa significa la nuova legge sul riscaldamento per proprietari e inquilini?

Prima o poi i proprietari saranno obbligati a fornire nuovi sistemi di riscaldamento basati su energie rinnovabili, a seconda delle condizioni. In futuro, un massimo del 10% dei costi di ammodernamento potrà essere trasferito agli inquilini ogni anno. Tuttavia, questo vale solo se è stato richiesto un sussidio statale e l’importo del sussidio viene dedotto dai costi ripartibili. Se si rinuncia alla sovvenzione, è possibile trasferire annualmente solo l’8%.

Che rapporto c’è tra i costi di affitto e la legge sul riscaldamento?

L’imposta sulle ristrutturazioni a fini energetici ha un tetto massimo di 50 centesimi al mese per metro quadro. La situazione è diversa per gli ammodernamenti come le nuove finestre o l’isolamento. In questo caso possono essere addebitati fino a 3 euro al metro quadro. Esistono norme di rigore per gli inquilini a basso reddito.

Meine-Renditeimmobilie sviluppa direttamente gli immobili e garantisce sempre un certificato di prestazione energetica positivo. La legge sull’energia degli edifici è già parte integrante di tutti gli sviluppi immobiliari di Meine-Renditeimmobilie. Gli immobili sono equipaggiati in modo tale da soddisfare i requisiti necessari per fungere da investimento di capitale attraente e promettente. Se non è tecnicamente possibile conformarsi alla nuova legge fin dall’inizio, i costi aggiuntivi che si dovranno sostenere in futuro vengono calcolati fin dall’inizio.

Sussidio per la nuova legge sul riscaldamento

La legge sul riscaldamento 2024 rappresenta un onere finanziario elevato, ma il passaggio al nuovo sistema è sostenuto in modo significativo da programmi di sovvenzione. Indipendentemente dal tipo di riscaldamento, tutti possono ricevere un sussidio di base del 30% per passare da un vecchio sistema di riscaldamento alimentato da fonti fossili a uno alimentato da energie rinnovabili.

Chiunque converta volontariamente il proprio sistema di riscaldamento prima della fine del 2028 riceverà anche un bonus di velocità del 20%. Per gli immobili occupati dai proprietari e con un reddito annuo imponibile inferiore a 40.000 euro, è previsto anche un bonus del 30% legato al reddito. È consentita la combinazione di più opzioni di sovvenzione, ma il limite per la sovvenzione totale è del 70%.

Critiche alla legge sul riscaldamento

Sebbene l’ovvio scopo della nuova legge sul riscaldamento 2024 sia chiaro, molti mettono in dubbio l’utilità della sua attuazione e le sue possibilità di successo. La protezione del clima dovrebbe essere considerata una responsabilità globale. La legge sul riscaldamento può raggiungere gli obiettivi di protezione del clima e a quali costi? Le politiche di divieto e gli oneri finanziari colpiscono in primo luogo i cittadini. Dopo tutto, anche i sussidi statali sono in ultima analisi a carico dei contribuenti. Da qui le divergenze tra i singoli membri della coalizione quando si è trattato del progetto di legge in questione. Come si svilupperà esattamente nei prossimi anni è scritto nelle stelle e probabilmente dipenderà anche dal futuro governo. I leader dei partiti CDU/CSU, Friedrich Merz e Markus Söder, hanno già annunciato che aboliranno la legge nella sua forma attuale.

Conclusione

La nuova legge sul riscaldamento 2024 porta con sé molti cambiamenti. L’obiettivo è quello di contrastare il cambiamento climatico passando a tecnologie di riscaldamento a basso consumo di risorse. A tal fine, a partire dal gennaio 2024, tutti gli impianti di riscaldamento nelle aree di nuova costruzione dovranno essere compatibili con il clima. Per il momento non è previsto l’obbligo di sostituire gli impianti di riscaldamento esistenti. Questa complessa questione solleva una serie di domande e incertezze sia per gli inquilini che per i proprietari. Meine-Renditeimmobilie consiglia i propri clienti anche in merito alla legislazione sul riscaldamento nel contesto di un investimento immobiliare.

Ricevi subito una consulenza completa.