Icona del menu mobile

Costruire un reddito passivo: Idee ed esempi

Le fonti di reddito etichettate come passive spesso si rivelano non così passive come si crede. Se non si dispone di un capitale iniziale, è necessario almeno un certo lavoro attivo per costruire e mantenere un reddito passivo.

Che cos’è il reddito passivo? Il reddito passivo è la generazione di reddito senza un lavoro attivo regolare e a lungo termine. Secondo la teoria, il prerequisito per questo reddito ricorrente dovrebbe essere un investimento una tantum di lavoro o capitale.

Quali sono i vantaggi del reddito passivo? Per chi è adatto?

Il reddito passivo è adatto a quasi tutti noi, indipendentemente dall’obiettivo che stiamo perseguendo o dalla fase della vita in cui ci troviamo.

  • Volete arrotondare il vostro stipendio a lungo termine?
  • Cercate una maggiore indipendenza o un’ulteriore libertà nell’organizzazione della vostra vita?

Una fonte di reddito aggiuntiva sotto forma di reddito passivo può fare al caso vostro.

Come posso generare un reddito passivo?

A seconda del vostro tempo, del vostro denaro e delle vostre capacità, ci sono vari modi per guadagnare reddito passivo:

  • Siete esperti di internet? Potreste essere interessati ad aprire un vostro blog, ad esempio, che generi reddito attraverso collaborazioni e pubblicità.
  • Siete appassionati di tecnologia? Forse il prestito o lo staking nel settore delle criptovalute fanno al caso vostro.
  • Avete ricevuto un’eredità e volete capitalizzarla a lungo termine? Un interessante investimento in una proprietà che genera un reddito mensile da locazione potrebbe essere un’opzione per voi.
  • Siete pronti a investire il capitale in azioni? Una strategia di azioni a dividendo potrebbe essere una via per un reddito passivo.

La realizzazione e il tipo di reddito passivo dipendono quindi da quanto tempo e denaro volete investire e da quali sono i vostri punti di forza e interessi personali.

Come generare reddito passivo

Le fonti più popolari di reddito passivo sono, nell’ordine, ETF, FBA, P2P, GTA e proprietà. Le abbreviazioni stanno per “Exchange Traded Funds”, “Fulfilment by Amazon”, “Peer-to-Peer” e “Grand Theft Auto”.

Reddito passivo con gli ETF

Il trading di ETF funziona fondamentalmente come l’investimento in azioni. Tuttavia, il rischio è significativamente più basso con gli ETF, in quanto l’attenzione non si concentra su una singola azione, ma su un indice specifico. Questo indice può essere un indice nazionale (ad esempio, l’ETF DAX) o un ETF settoriale (ad esempio, l’ETF Medical Care).

Esistono anche altri criteri per la formazione degli indici. L’universo degli ETF è quasi illimitato. Anche in questo caso è importante garantire che gli utili vengano distribuiti sotto forma di dividendi. Esistono anche ETF a dividendo speciali. In questo modo è possibile generare reddito passivo con un ETF.

La detenzione di ETF è in effetti piuttosto passiva, ma l’acquisto di ETF richiede un capitale iniziale. In quest’ottica, molte forme di investimento sono passive: dopo aver acquistato fondi, immobili (se gestiti), oro o obbligazioni, gli investitori non devono fare molto altro.

Reddito passivo con FBA

FBA è l’acronimo di “Fulfilment by Amazon” e significa “adempimento” o “esecuzione” dell’elaborazione dell’ordine, dove l’ordine è l’ordinazione della merce. La merce viene inviata ad Amazon dal rivenditore e Amazon si occupa dello stoccaggio, della spedizione e della fatturazione. Molti rivenditori di e-commerce inseriscono i loro prodotti su Amazon oltre al proprio negozio online, anche se alcuni scelgono deliberatamente di non farlo.

Amazon FBA non può essere definito passivo. Sebbene Amazon si occupi di una parte della logistica, il rivenditore deve comunque occuparsi dell’approvvigionamento della merce, del marketing e della contabilità.

Reddito passivo con il P2P

P2P sta per “peer-to-peer”. Il “peer” è il “pari”, e peer-to-peer significa comunicazione o scambio di qualcosa “da pari a pari”, vale a dire scambio diretto senza il passaggio attraverso un’autorità centrale. Questa abbreviazione è stata resa popolare dai servizi di download di musica come Napster, dove i file venivano trasferiti direttamente da utente a utente invece che attraverso un server su Internet come di consueto. Nel contesto del reddito passivo, tuttavia, non si parla di file musicali, ma di prestiti concessi direttamente da privati a privati senza l’intermediazione di una banca. L’idea è quella di prestare denaro come una banca e guadagnare interessi.

I prestiti P2P sono concessi tramite piattaforme online come Mintos e Bondora. Il prestatore riceve un interesse dal mutuatario per la concessione del prestito. Tuttavia, per poterlo prestare è necessario disporre di capitale proprio.

I prestiti P2P come fonte passiva di reddito possono essere redditizi perché gli interessi pagati sono più alti rispetto a quelli delle banche tradizionali. I mutuatari delle piattaforme P2P devono pagare un premio di rischio sotto forma di tassi d’interesse più elevati a causa della minore affidabilità creditizia.

Tuttavia, il reddito passivo del P2P è associato al rischio che il prestito non venga rimborsato. I tassi di insolvenza dei prestiti P2P sono più elevati rispetto ai prestiti bancari convenzionali.

Reddito passivo con GTA

GTA è l’acronimo del gioco per computer “Grand Theft Auto” Online. Guadagnare, vincere, acquistare e vendere beni digitali in mondi virtuali non è possibile solo in GTA. Tuttavia, le possibilità di GTA sono ovviamente più ampie rispetto ad altri giochi, dato che GTA è il gioco che viene cercato più frequentemente in relazione al “guadagno di denaro”.

Nel caso di GTA, ad esempio, è possibile aprire un locale notturno virtuale, pubblicizzarlo e, come è tipico del genere, razziare altri locali notturni e guadagnare con esso. Dato che le persone investono molto tempo nei giochi, in linea di principio questi beni virtuali non sono un’assurdità. L’aspetto critico, tuttavia, è che l’intero cosmo virtuale è saldamente nelle mani del produttore del gioco, in questo caso Rockstar Games.

Questo tipo di entrate non può assolutamente essere definito passivo. Anzi, il “nightclub” di cui sopra richiede probabilmente molto lavoro regolare e attivo.

Reddito passivo con la proprietà

Il reddito passivo attraverso gli immobili offre la maggiore sicurezza tra le opzioni qui menzionate. Uno o due appartamenti come investimento sono spesso sufficienti per generare un flusso di cassa mensile positivo.

Per costruire un flusso di cassa positivo e quindi un reddito passivo con un immobile, il reddito da locazione dovrebbe superare i costi di finanziamento (rimborso + interessi). Attualmente sono pochi gli appartamenti disponibili come investimento che soddisfano questa condizione. Le commissioni di intermediazione, in particolare, rendono gli investimenti immobiliari poco attraenti come fonte di reddito passivo, poiché i costi aumentano ad ogni intermediazione.

È meglio acquistare direttamente dal “produttore”. Meine-Renditeimmobilie ristruttura appartamenti secondo i più alti standard qualitativi e li vende direttamente agli investitori senza intermediari e relative commissioni.

Questo tipo di reddito è certamente passivo, ma richiede un capitale iniziale.

Svantaggi e svantaggi del reddito passivo

Vantaggi teorici:

  • Alto grado di indipendenza e libertà
  • Fonte di reddito aggiuntiva
  • Spazio per il tempo libero
  • Vivere la propria passione e trarne beneficio economico allo stesso tempo
  • Costrutto fondamentale per la libertà finanziaria

Svantaggi:

  • Alto investimento in termini di tempo, non realmente “passivo”
  • Solo ragionevolmente passivo con il capitale iniziale
  • Disponibilità ad assumersi rischi (di perdita)

Come in tutti i settori della vita, anche in questo caso ci sono due facce della medaglia. Senza capitale iniziale, il reddito non è passivo. E un reddito per il quale si lavora è semplicemente “lavoro” e non “passivo”.